QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

Sezioni

Area Studenti e Famiglie

orientamento in entrata

Sportelli didattici

“La memoria del disprezzo”

Purgatorio, VI Canto

Personaggi: Sordello, Dante e Virgilio

Passi notevoli :  i versi 76-78 e 88-102.

Introduzione al video: “Nel discorso di Sordello ci è sembrata particolarmente significativa la parola “fella”: per Dante l'Italia è “serva”, burattina nelle mani di un grande disordine sia politico sia economico; la causa risiede nei tanto brevi quanto dispotici governi che si susseguono, ribelli alla visione di un interesse comune che un’autorità super partes può favorire. Individualismo ed egoismo, avidità e superbia spingono l’uno a superare l'altro nella scalata sino alla vetta dell’impervio monte del potere.

L’immagine dell’Italia che ci consegna Dante quindi  è quella di un paese in balia di sé stesso.

Essa non ci sembra differente dalla situazione odierna. In un momento di grandissima difficoltà, all’interno delle conseguenze di una pandemia, noi recepiamo un clima di conflittualità dettato dagli interessi politici personali quando invece da questi “signori” al governo ci aspetteremmo un agire finalizzato esclusivamente al bene comune”

Gli Studenti della classe 2 B del Liceo Giulio Cesare di Roma Bilardo Sole, Calamia Martina, Ferramondo Federico, Lefevre Elisa, Michieletto Giorgia. Pagnozzi Flaminia, Proietti Martina

Per la realizzazione del video:

Montaggio e regia: Sara Leotta

Recitazione e lettura dei passi: Martina Proietti, Federico Ferramondo, Giorgia Michieletto e Sole Bilardo

Elaborazione diapositiva iniziale: Elisa Lefevre

Musica: Flaminia Pagnozzi

Scrittura: Martina Proietti e Martina Calamia.

Il gruppo degli studenti è stato coordinato dalla Professoressa Antonella Daniela Zisa e supportato da tutta la classe.

NOTTE DEL LICEO CLASSICO

Biblioteca

SCUOLA IN CHIARO

Dove siamo

Calendario eventi